Medicina alternativa

Fitoterapia

Floriterapia

Leggi tutto

Psicoterapia di coppia

La psicoterapia di coppia si può definire come un percorso che permette alla coppia di raggiungere una nuova stabilità all'interno del propio sistema.
Il nuovo assetto che assumerà la coppia in seguito alla psicoterapia è il risultato dell'obiettivo che la coppia si prefigge di raggiungere.
In altre parole la coppia si serve dello psicoterapeuta per decidere quali sono le questioni da discutere, i problemi da risolvere e il tipo di lavoro terapeutico da intraprendere.

In Italia, più che negli altri paesi europei, le coppie difficilmente si rivolgono al terapista e, quando lo fanno, la crisi è molto profonda, il conflitto accade quando una serie di aspettative non vengano di fatto corrisposte, innescando profondi vissuti di delusione e disillusione determinando nel  tempo un aumento del  divario tra matrimonio immaginato e matrimonio reale.
I fattori che portano alla crisi della coppia sono molteplici e possono sorgere in tutte le fasi del ciclo vitale della coppia. Quando ciò accade, le coppie, di solito, hanno difficoltà a esprimere le differenze per una paura catastrofica che il conflitto aumenterà, con conseguente rottura del matrimonio.
Allora si assiste, nella pratica clinica, a coppie che pur vivendo in questo modo non riescono a modificarsi e, quel che è più tremendo, neppure a liberarsi e riscattarsi, trovandosi spesso in una situazione di stallo: dove non riescono a stare bene insieme ma neppure a separarsi. Relazioni spesso dolorosamente sperimentate in assenza di una reale consapevolezza.
La psicoterapia di coppia aiuta a costruire nuove capacità interattive, che favoriscono tra i partner la possibilità di trovare nuove e più funzionali modalità di ascolto reciproco e di espressione dei bisogni personali, per poter essere in grado, per quanto riguarda il proprio futuro, di fare scelte più mature. 
L’approccio si focalizza sulla risoluzione del problema e sulla crescita della coppia, attraverso la rielaborazione, che è una tecnica utilizzata per trasformare il significato di un comportamento sintomatico da negativo a positivo, e per spingere la coppia a considerare il problema non come fatto individuale ma come inerente al rapporto.